Bonus ristrutturazione 2024 novità e come funziona

, ,
Bonus ristrutturazione 2024

Bonus ristrutturazione 2024 detrazione al 50% per importi fino 96 mila euro

Possiamo definire con chiarezza il quadro normativo dei bonus ristrutturazione 2024 che è possibile utilizzare fino al 31 dicembre 2024, quali sono le novità e come funziona.

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei sottoindicati decreti:

 

Decreto Legge 29 dicembre 2023, n. 212 (Decreto Superbonus)

Decreto-legge 30 dicembre 2023, n. 215 (Decreto Milleproroghe)

Legge 30 dicembre 2023, n. 213 (Legge di Bilancio 2024)

Bonus ristrutturazione 2024 cosa si può detrarre?

Per l’anno 2024 è ancora in vigore il bonus ristrutturazione per gli interventi di manutenzione straordinaria, risanamento conservativo oppure ristrutturazione edilizia su parti comuni di immobili privati residenziali.

La detrazione fiscale riguarda tutte le spese effettuate fino il 31 dicembre 2024, con un massimale di 96.000 euro, per una detrazione massima distribuito in 10 rate annuali.

Cos’è il bonus ristrutturazione 2024: novità e come funziona?

Il bonus ristrutturazione 2024 ha un limite di spesa di 96.000 euro per ogni unità abitativa.  Questo bonus fiscale è concesso ai cittadini interessati ad eseguire lavori di ristrutturazione edilizia. Viene concessa una detrazione del 50% riguardante interventi di ristrutturazione edilizia, risanamento e restauro.

Bonus ristrutturazione 2024: come richiederlo

Il bonus può essere richiesto da tutti i cittadini, residenti oppure anche non residenti in Italia. Il bonus ristrutturazione 2024 viene richiesto dai proprietari degli immobili.  Dai titolari di diritti reali sugli immobili su cui vengono eseguite le lavorazioni. Vengono inclusi anche coloro che hanno diritti reali o personali sugli edifici coinvolti nei lavori e che comunque coprano le spese dei lavori.  Nello specifico si tratta dei:

  • imprenditori individuali (per immobili non classificati come beni strumentali o merce);
  • locatari o comodatari;
  • titolari di diritti di godimento come usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • soci di cooperative (divise e indivise);
  • proprietari o nudi proprietari;
  • soggetti definiti nell’articolo 5 del Testo Unico delle Imposte sui Redditi

D.P.R. del 22 Dicembre 1986 n. 917 in vigore dal 1° gennaio 2022

che generano reddito in forma associata. Questi possono essere società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti equiparati, oltre alle imprese familiari. L’accesso alle agevolazioni segue le stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

 

Il bonus è esteso anche coloro che, pagando le spese, risultano infine beneficiari di bonifici e fatture,e che rientrano nelle categorie sottoindicate:

  • familiare convivente del possessore o detentore dell’immobile oggetto dell’intervento (il coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo grado);
  • coniuge separato assegnatario dell’immobile intestato all’altro coniuge;
  • componente dell’unione civile (la legge n. 76/2016, per garantire la tutela dei diritti derivanti dalle unioni civili tra persone delle stesso sesso, equipara al vincolo giuridico derivante dal matrimonio quello prodotto dalle unioni civili);
  • convivente more uxorio, non proprietario dell’immobile oggetto degli interventi né titolare di un contratto di comodato, per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016.

 

Nei casi sopra menzionati la detrazione è valida anche se le autorizzazioni comunali sono intestate al proprietario effettivo dell’abitazione.

Nel caso di due soggetti entrambi proprietari di un immobile e anche nel caso in cui la fattura sia emessa a favore di uno solo così come anche il bonifico. Se i due proprietari sostengono le spese di ristrutturazione, il bonus viene esteso anche all’altro soggetto.

A questo riguardo però nella fattura deve essere riportata la percentuale di spesa sostenuta da quest’ultimo.

Nel caso si sia in possesso di un contratto preliminare di vendita, l’acquirente dell’immobile ha diritto alle suddette agevolazioni se:

  • è stato immesso nel possesso dell’immobile;
  • esegue i lavori a sue proprie spese;
  • il contratto preliminare di vendita (compromesso) è stato registrato entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi in cui si richiede la detrazione.

Anche chi esegue in proprio i lavori sull’immobile, può avvalersi della detrazione. In questo caso solo per l’acquisto dei materiali utilizzati e non per la manodopera.

bonus ristrutturazione 2024

 

Richiedi preventivi gratuiti per i tuoi lavori con bonus ristrutturazione 2024

Bonus ristrutturazione 2024: interventi ammessi

  • manutenzione straordinaria:
    • rinnovo e sostituzione di parti anche strutturali degli edifici;
    • realizzazione ed integrazione di servizi igienico/sanitari e tecnologici, che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino cambi di destinazioni d’uso;
    • installazione di ascensori e scale di sicurezza;
    • sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso;
    • rifacimento di rampe e scale, costruzione di scale interne;
    • lavori riguardanti il risparmio energetico;
    • recinzione dell’area privata;
  • restauro e risanamento conservativo:
    • interventi che hanno l’obiettivo di eliminare e prevenire situazioni di degrado;
    • adeguamento altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti;
    • apertura di finestre per consentire l’aerazione dei locali;
  • ristrutturazione edilizia:
    • demolizione e ricostruzione edile;
    • realizzazione di una mansarda o di un balcone;
    • trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda;
    • modifica della facciata;
    • apertura di nuove porte e finestre;
    • costruzione dei servizi igienici in ampliamento delle superfici e dei volumi esistenti.

Bonus ristrutturazione 2024: in quali casi è obbligatoria la comunicazione all’ENEA

La comunicazione all’ENEA è obbligatoria solo ed esclusivamente per i lavori edilizi e tecnologici che rientrano negli interventi di riqualificazione energetica.

In tali casi deve essere inviata l’apposita comunicazione all’ENEA, l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile.

In questi casi sono necessari gli stessi obblighi validi per l’ecobonus, inviando la comunicazione all’ENEA.

Ecco la tabella degli interventi:

Componenti e tecnologie Tipo di intervento
Strutture edilizie • riduzione della trasmittanza delle pareti verticali che delimitano gli ambienti riscaldati dall’ esterno, dai vani freddi e dal terreno; • riduzione delle trasmittanze delle strutture opache orizzontali e inclinate (coperture) che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi; • riduzione della trasmittanza termica dei Pavimenti che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno, dai vani freddi e dal terreno
Infissi • riduzione della trasmittanza dei serramenti comprensivi di infissi che delimitano gli ambienti riscaldati dall’esterno e dai vani freddi
Impianti tecnologici • installazione di collettori solari (solare termico) per la produzione di acqua calda sanitaria e/o il riscaldamento degli ambienti; • sostituzione di generatori di calore con caldaie a condensazione per il riscaldamento degli ambienti (con o senza produzione di acqua calda sanitaria) o per la sola produzione di acqua calda per una pluralità di utenze ed eventuale adeguamento dell’impianto; • sostituzione di generatori con generatori di calore ad aria a condensazione ed eventuale adeguamento dell’impianto; • pompe di calore per climatizzazione degli ambienti ed eventuale adeguamento dell’impianto; • sistemi ibridi (caldaia a condensazione e pompa di calore) ed eventuale adeguamento dell’impianto; • microcogeneratori (Pe<50kWe); • scaldacqua a pompa di calore; • generatori di calore a biomassa; • installazione di sistemi di contabilizzazione del calore negli impianti centralizzati per una pluralità di utenze; • installazione di sistemi di termoregolazione e building automation; • installazione di impianti fotovoltaici
Elettrodomestici (solo se collegati a un intervento di recupero del patrimonio edilizio iniziato a decorrere dal 1° gennaio 2017) • forni; • frigoriferi; • lavastoviglie; • piani cottura elettrici; • lavasciuga; • lavatrici

Il termine per l’invio della comunicazione è di 90 giorni dalla fine dei lavori.

In linea generale il mancato adempimento non farebbe perdere la detrazione. Questo è stato l’indirizzo dell’Agenzia delle Entrate, specificato fino a poco tempo fa.

La mancanza di sanzioni o di conseguenze per omessa comunicazione non farebbe perdere obbligatorietà alla stessa, tuttavia l’adempimento deve essere in ogni caso effettuato nei termini indicati.

A questo proposito con l’ordinanza n. 34151/2022, la Corte di Cassazione ha confermato la legittimità del rifiuto dell’agevolazione fiscale IRPEF relativa alle spese per interventi di riqualificazione energetica,

La responsabilità del contribuente “costituisce adempimento inderogabile per ottenere l’agevolazione in ragione del doveroso onere del contribuente di osservare una diligenza media”.

I chiarimenti della Corte di Cassazione hanno quindi di fatto reso necessaria la comunicazione all’ENEA per l’ottenimento della detrazione.

Bonus ristrutturazione 2024: quali documenti conservare

Per poter accedere al Bonus Ristrutturazione 2024 è di fondamentale importanza effettuare i pagamenti concernenti i lavori tramite bonifici bancari o postali parlanti. Nel bonifico va specificata la causale del versamento, il codice fiscale del beneficiario della detrazione e il codice fiscale o Partita IVA del beneficiario del pagamento.

E’ indispensabile conservare la seguente documentazione:

  • abilitazioni amministrative per i tipi di lavori eseguiti;
  • eventuali dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà con dettagli sui lavori;
  • domande di accatastamento per immobili non censiti;
  • ricevute di pagamento dell’IMU, se dovute;
  • delibere di approvazione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione delle spese per interventi sulle parti comuni negli edifici residenziali;
  • dichiarazioni di consenso del possessore dell’immobile all’esecuzione dei lavori (solo se diverso dai familiari conviventi);
  • comunicazioni preventive da inviare all’ASL con la data di inizio dei lavori (se obbligatorio);
  • fatture e ricevute fiscali relative alle spese sostenute;
  • riscontri dei bonifici di pagamento.

bonus ristrutturazione 2024 novita e come funziona

Quali spese sono ammesse per la detrazione nel bonus ristrutturazione 2024

Per le spese ammesse in detrazione fiscale del 50%, è necessario fare riferimento alla guida dell’Agenzia delle Entrate.

In questa guida sono elencate quali sono le spese ammissibili per interventi condominiali e per quelli sulle singole abitazioni. Le spese generali rientrano in diverse categorie, tra cui:

  • ristrutturazione edilizia;
  • manutenzione ordinaria e straordinaria;
  • restauro e risanamento conservativo;
  • bonifica dall’amianto;
  • messa in regola degli edifici;
  • progettazione e prestazioni professionali connesse;
  • installazione di apparecchi di rilevazione di gas o riparazione di impianti per la sicurezza domestica;
  • realizzazione di autorimesse o posti auto.
  • cablatura degli edifici e contenimento dell’inquinamento acustico;
  • perizie e sopralluoghi;

Bonus ristrutturazione 2024: l’elenco dei lavori sulle singole unità abitative

Tabella riepilogativa agli interventi inserita nel portale dell’Agenzia delle Entrate.

Intervento Modalità
Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche unione di due unità immobiliari con opere esterne
Allargamento porte Con demolizioni di modesta entità, realizzazione di chiusure o aperture interne che non modifichino lo schema distributivo delle unità immobiliari e dell’edificio
Allargamento porte e finestre esterne Con demolizioni di modeste proporzioni di muratura
Allarme finestre esterne Installazione, sostituzione dell’impianto o riparazione con innovazioni
Ampliamento con formazione di volumi tecnici Demolizione e/o costruzione (scale, vano ascensore, locale caldaia, ecc.) con opere interne ed esterne
Apertura interna Apertura vano porta per unire due unità immobiliari o altri locali con opere interne o apertura sul pianerottolo interno
Ascensore Nuova installazione o sostituzione di quello preesistente (esterno o interno) con altro avente caratteri essenziali diversi, oppure per adeguamento alla legge n. 13/89
Balconi Rifacimento con altro avente caratteri diversi (materiali, finiture e colori) da quelli preesistenti e nuova costruzione
Barriere architettoniche Eliminazione
Box auto Nuova costruzione (detraibile, purché reso pertinenziale di una unità immobiliare)
Cablatura degli edifici Opere finalizzate alla cablatura degli edifici, a condizione che interconnettano tutte le unità immobiliari residenziali
Caldaia Sostituzione o riparazione con innovazioni
Caloriferi e condizionatori
  • Sostituzione con altri anche di diverso tipo e riparazione o installazione di singoli elementi (detraibile nelle singole unità immobiliari se si tratta di opere finalizzate al risparmio energetico)
  • Installazione di macchinari esterni
Cancelli esterni Nuova realizzazione o sostituzione con altri aventi caratteristiche diverse (materiali, dimensioni e colori) da quelle preesistenti
Canna fumaria Nuova costruzione interna o esterna o rifacimento modificando i caratteri preesistenti
Cantine
  • Effettuazione di suddivisioni interne con demolizioni e ricostruzioni
    tavolati
  • Opere esterne con modifiche delle caratteristiche delle pareti, porte e finestre
Centrale idrica
  • Riparazioni varie con modifiche distributive interne o esterne
  • Nuova costruzione (volume tecnico) nell’ambito di un’operazione di manutenzione straordinaria, di un restauro o di una ristrutturazione
Centrale termica
  • Riparazioni varie interne ed esterne, conservando le caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti (opere murarie)
  • Con modifiche distributive interne
  • Con modifiche esterne (sagoma, materiali e colori nuova costruzione volume tecnico) nell’ambito di un’operazione di manutenzione straordinaria, di un restauro o di una ristrutturazione
Citofoni, videocitofoni e telecamere Sostituzione o nuova installazione con le opere murarie occorrenti
Contenimento dell’inquinamento acustico Opere finalizzate al contenimento realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette (detraibile, purché sia certificato il raggiungimento degli standard di legge)
Cornicioni Nuova formazione o rifacimento con caratteristiche diverse da quelle preesistenti
Davanzali finestre e balconi Nuova realizzazione o sostituzione di quelli preesistenti con altri aventi caratteristiche diverse (materiali, finiture e colori)
Facciata Rifacimento, anche parziale, modificando materiali e/o colori (o anche solo i colori)
Finestra
  • Nuova apertura o modifica di quelle preesistenti
  • Sostituzione con finestre di sagoma, materiale e colori diversi
Fognatura Nuova costruzione o rifacimento con dimensioni e/o percorso diversi da quello preesistente, con opere interne o esterne (dal limite della proprietà fino alla fognatura pubblica)
Garage
  • Riparazioni varie e sostituzioni di parti con caratteristiche diverse da quelle preesistenti
  • Nuova costruzione (detraibile, se reso pertinenziale ad una unità immobiliare)
Gradini scale Sostituzione gradini interni e esterni, modificando la forma, le dimensioni oi materiali preesistenti
Grondaie Nuova installazione o sostituzione con modifiche della situazione preesistente
Impianto di riscaldamento autonomo interno (purché conforme al Dm n. 37/2008 – ex legge n. 46/90)
  • Nuovo impianto, senza opere edilizie
  • Nuovo impianto con opere edilizie esterne (canna fumaria e/o altre opere interne o esterne) per riscaldamento o ventilazione
  • Riparazioni con ammodernamenti e/o innovazioni
Impianto elettrico Sostituzione dell’impianto o integrazione per messa a norma
Impianto idraulico Sostituzione o riparazione con innovazioni rispetto al preesistente
Inferriata fissa
  • Sostituzione con innovazioni rispetto alla situazione preesistente
  • Nuova installazione con o senza opere esterne
Infissi esterni Nuova installazione o sostituzione con altri aventi sagoma, materiali o colori diversi (solo se riguarda l’intera facciata)
Interruttore differenziale Sostituzione o riparazione con innovazioni
Intonaci esterni facciata Intonaci e tinteggiatura esterna con modifiche a materiali e/o colori
Lastrico solare Rifacimento con materiali diversi rispetto a quelli preesistenti
Locale caldaia
  • Riparazioni murarie varie con modifiche rispetto alla situazione preesistente
  • Nuova formazione (volume tecnico) o esecuzione di interventi esterni che modificano materiali-finiture-colori
Lucernari Nuova formazione o sostituzione con altri aventi caratteri (sagoma e colori) diversi da quelli preesistenti
Mansarda Modifiche interne ed esterne con opere edilizie, senza modificarne la destinazione d’uso
Marciapiede Nuova realizzazione su suolo privato
Messa a norma degli edifici Interventi di messa a norma degli edifici (detraibile, purché compresa nelle categorie di cui all’art. 1, legge n. 449/97 e siano presentate le certificazioni di legge)
Montacarichi Nuova installazione e sostituzione di quello preesistente con altro avente caratteristiche (materiali e colori) diverse da quelle preesistenti
Muri di cinta Realizzazione e sostituzione con modificazioni rispetto alla situazione preesistente
Muri esterni di contenimento Nuova costruzione, demolizione e ricostruzione in altra parte esterna o nello stesso luogo, ma modificando dimensioni, sagoma, materiali e colori
Muri interni Nuova costruzione o demolizione e ricostruzione in altra parte interna
Parapetti e balconi Rifacimento o sostituzione con altri aventi caratteri diversi da quelli preesistenti
Parete esterna Rifacimento anche parziale modificando materiali e colori (o anche solo i colori)
Parete interna Nuova costruzione, demolizione e ricostruzione in altra parte interna
Pavimentazione esterna Nuova pavimentazione o sostituzione della preesistente modificando la superficie e i materiali
Pensilina protezione autovetture Sostituzione di quella preesistente con altra avente caratteristiche (materiali e colori) diverse da quelle preesistenti
Persiana Nuova installazione o sostituzione con altra avente sagoma, materiale e colori diversi
Pianerottolo Riparazione struttura con dimensioni e materiali diversi da quelli preesistenti
Piscina Rifacimento modificando caratteri preesistenti
Porta blindata esterna Nuova installazione o sostituzione con altre aventi sagoma o colori diversi
Porta blindata interna Nuova installazione
Porta-finestra
  • Nuova installazione o sostituzione con altra avente sagoma e colori diversi
  • Trasformazione da finestra a porta finestra
Porte esterne Nuova installazione o sostituzione con altre aventi sagome o colori diversi e viceversa
Recinzioni Realizzazione di nuova recinzione o sostituzione di quella preesistente con altra avente caratteristiche diverse
Ricostruzione Demolizione e ricostruzione con la stessa volumetria dell’immobile preesistente
Risparmio energetico Opere finalizzate al risparmio energetico, realizzate anche in assenza di opere edilizie propriamente dette (detraibile, purché sia certificato il raggiungimento degli standard di legge)
Sanitari Sostituzione di impianti (la sostituzione degli apparecchi sanitari è detraibile solo se integrata o correlata a interventi maggiori per i quali spetta l’agevolazione) – Realizzazione di servizio igienico interno
Saracinesca Nuova installazione di qualsiasi tipo o sostituzione di quella preesistente con innovazioni
Scala esterna Nuova installazione, rifacimento e sostituzione con altra di caratteri (pendenza, posizione, dimensioni materiali e colori) diversi dai preesistenti
Scala interna Nuova installazione, rifacimento e sostituzione con altra, modificando pendenza e posizione rispetto a quella preesistente
Serramenti esterni Nuova installazione o sostituzione con altri aventi finiture e colori diversi dai precedenti
Sicurezza statica Opere finalizzate alla sicurezza statica ed antisismica
Solaio
  • Sostituzione dei solai di copertura con materiali diversi dai preesistenti
  • Sostituzione di solai interpiano senza modifica delle quote
  • Adeguamento dell’altezza dei solai
Soppalco Innovazioni rispetto alla struttura preesistente o nuova costruzione
Sottotetto
  • Riparazione modificando la posizione preesistente;
  • sostituzione apparecchi sanitari, innovazioni con caratteristiche diverse da quelle preesistenti
  • Modifiche interne ed esterne con varie opere edilizie senza modificarne la destinazione d’uso
  • Formazione di una unità immobiliare abitabile nel sottotetto mediante l’esecuzione di opere edilizie varie (detraibile, purché già compreso nel volume)
Strada asfaltata privata Per accesso alla proprietà
Tegole Sostituzione con altre di materiale e/o forma diverse da quelle preesistenti
Terrazzi Rifacimento completo con caratteristiche diverse da quelle preesistenti (dimensioni o piano)
Tetto
  • Sostituzione dell’intera copertura
  • Modifica della pendenza delle falde con o senza aumento di volume
Tinteggiatura esterna Rifacimento modificando materiali e/o colori
Travi (tetto)
  • Sostituzioni con modifiche
  • Sostituzione totale per formazione nuovo tetto
Veranda
  • Innovazioni rispetto alla situazione precedente;
  • Nuova costruzione con demolizione del muro che dà sul balcone creando aumento di superficie lorda di pavimento;
  • Trasformazione di balcone in veranda
Vespaio Rifacimento
Zoccolo esterno facciata Sostituzione con altro avente caratteri essenziali diversi

 

 

Bonus ristrutturazione 2024: l’elenco dei lavori sulle parti condominiali

Vediamo ora quali sono gli interventi agevolabili, relativi alle singole unità immobiliari.

Anche in questo caso si può fare riferimento all’elenco presente sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Leggi questo approfondimento: lavori sulle parti condominiali degli edifici.

L’elenco è stato riportato anche nella tabella di sintesi.

Intervento Modalità
Aerosabbiatura Su facciata
Allargamento porte interne Con demolizioni di modesta entità
Allarme (impianto)
  • Riparazione senza innovazioni
  • Riparazione con sostituzione di alcuni elementi
Androne Rifacimento conservando caratteristiche uguali a quelle preesistenti
Antenna Antenna comune in sostituzione delle antenne private
Balconi Riparazioni parti murarie (frontalini, cielo), sostituzione di parapetti e ringhiere conservando caratteristiche (materiali, sagome e colori) uguali
Box Riparazioni varie e sostituzione di parti anche strutturali conservando dimensioni uguali a quelle preesistenti
Caldaia
  • Riparazione senza innovazioni
  • Riparazione con sostituzione di alcuni elementi
Caloriferi e condizionatori Sostituzione con altri anche di diverso tipo e riparazione o installazione di singoli elementi
Cancelli esterni Riparazione o sostituzione cancelli o portoni, conservando caratteristiche (sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti
Canna fumaria Riparazione o rifacimento, interno ed esterno conservando caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti
Cantine Riparazione conservando caratteristiche (materiali e colori) uguali a quelle preesistenti
Centrale idrica Riparazioni varie interne ed esterne, conservando caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti
Centrale termica Riparazioni varie interne ed esterne, conservando caratteristiche (materiali, sagoma e colori) uguali a quelle preesistenti
Cornicioni Rifacimento o sostituzione conservando i caratteri essenziali preesistenti (materiali, dimensioni)
Davanzali finestre e balconi Riparazione o sostituzione conservando i caratteri essenziali preesistenti
Facciata Piccola apertura per sfiatatoio gas, rifacimento, anche completo, con materiali e colori uguali a quelli preesistenti
Finestra Sostituzione senza modifica della tipologia di infissi
Fognatura Riparazione o sostituzione della canalizzazione fognaria, fino al limite della proprietà del fabbricato
Garage Riparazioni varie e sostituzione di parti anche strutturali conservando dimensioni uguali a quelle preesistenti
Gradini scale Sostituzione con gradini uguali a quelli preesistenti, interni e esterni
Grondaie Riparazione o sostituzione senza modifiche della situazione preesistente
Impianto di riscaldamento (purché conforme al Dm n. 37/2008 – ex legge n. 46/90) Riparazione dell’impianto senza innovazioni, riparazione con ammodernamenti e/o innovazioni
Impianto elettrico Sostituzione dell’impianto o integrazione per messa a norma
Impianto idraulico Riparazione senza innovazioni o sostituzioni
Inferriata fissa Sostituzione di quelle preesistenti senza modificare la sagoma e/o i colori
Infissi esterni Riparazione o sostituzione, conservando la sagoma, i materiali e i colori uguali a quelli preesistenti
Infissi interni Sostituzione con altri infissi conservando le caratteristiche preesistenti
Interruttore differenziale Riparazione senza innovazioni o riparazione con sostituzione di alcuni elementi
Intonaci esterni facciata Intonaci e tinteggiatura esterna conservando materiali e colori uguali a quelli preesistenti
Intonaci interni Intonaci e tinteggiatura interna senza limitazioni di materiale e colori
Lastrico solare Rifacimento conservando materiali uguali a quelli preesistenti
Locale caldaia Riparazioni murarie varie conservando le suddivisioni interne preesistenti
Lucernari Sostituzione con altri aventi gli stessi caratteri (sagoma e colori) di quelli preesistenti
Marciapiede su suolo privato Rifacimento come preesistente
Montacarichi (interni ed esterni) Riparazione conservando caratteristiche uguali a quelle preesistenti
Muri di cinta Riparazione conservando caratteristiche uguali a quelle preesistenti
Muri esterni di contenimento Riparazione o rifacimento con materiali e sagoma uguali a quelli preesistenti
Muri interni Riparazione o rifacimento conservando la stessa posizione, anche con materiali diversi
Parapetti e balconi Riparazione o rinforzo della struttura conservando caratteri uguali a quelli preesistenti
Parcheggi Riparazioni varie e sostituzione di parti anche strutturali conservando dimensioni uguali a quelle preesistenti
Parete esterna Rifacimento, anche completo, con materiali e colori uguali a quelli preesistenti
Parete interna Riparazione o rifacimento conservando la stessa posizione, anche con materiali diversi
Pavimentazione esterna Rifacimento con dimensioni e materiali uguali a quelli preesistenti
Pavimentazione interna Riparazioni senza innovazioni
Pensilina protezione autovetture Rifacimento conservando sagoma e colori preesistenti
Persiana Sostituzione conservando le caratteristiche preesistenti (sagoma e colori)
Pianerottolo Riparazione struttura conservando dimensioni e materiali uguali a quelli preesistenti (interno ed esterno)
Piscina Riparazione e rinforzo di strutture, conservando le caratteristiche (materiali, sagoma e colori) preesistenti
Porta blindata esterna Sostituzione conservando sagome e colori preesistenti
Porta-finestra Sostituzione con altra avente gli stessi caratteri essenziali
Porte esterne Sostituzione conservando sagome e colori preesistenti
Porte interne Riparazione, conservando materiali, colori, dimensioni
Recinzioni Riparazione e sostituzione conservando caratteristiche (sagoma, materiali e colori) preesistenti
Sanitari Riparazione apparecchi sanitari e opere edilizie varie (tubazioni, piastrelle, ecc.)
Saracinesca Sostituzione con altra, purché vengano conservati dimensioni e colori uguali a quelli preesistenti
Scala esterna Riparazione conservando pendenza, posizione, sagoma, colori e materiali uguali ai preesistenti
Scala interna Riparazione e sostituzione conservando pendenza sagoma e posizioni preesistenti
Serramenti esterni Sostituzione con altri aventi le stesse caratteristiche
Serramenti interni Riparazioni, conservando materiali caratteristiche e colori preesistenti
Solaio Sostituzione dei solai di copertura con materiali uguali a quelli preesistenti
Tegole Sostituzione con altre uguali a quelle preesistenti
Terrazzi Riparazione delle pavimentazioni, rifacimento o sostituzione conservando le caratteristiche preesistenti (dimensioni e piano)
Tetto Riparazione con sostituzione di parte della struttura e dei materiali di copertura, conservando le caratteristiche preesistenti
Tinteggiatura esterna Rifacimento conservando materiali e colori preesistenti
Tinteggiatura interna Rifacimento senza limitazioni per materiali e colori
Tramezzi Sostituzione tramezzi interni, senza alterazione della tipologia dell’unità immobiliare
Travi (tetto) Sostituzione con altre aventi materiali, dimensioni e posizione uguali a quelle preesistenti
Veranda Rifacimento parziale conservando i caratteri essenziali
Zoccolo esterno facciata Rifacimento conservando i caratteri essenziali

 

Richiedi preventivi gratuiti per i tuoi lavori con bonus ristrutturazione 2024