Rifare il tetto

La sicurezza quando ci si appresta a rifare il tetto  della propria casa corrisponde alla sicurezza della propria vita, soprattutto quando si parla di tetti residenziali.

Quando si acquista una casa, spesso non ci si cura di controllare le condizioni della copertura del tetto, andando spesso incontro a grosse delusioni.

Rifare il tetto

Rifare il tetto in legno

I tetti residenziali non sono tutti uguali tra di loro, ma differiscono per i materiali utilizzati per  le diverse coperture , per le forme, per l’inclinazione e, naturalmente, per le dimensioni.

Una buona copertura è costituita da materiali isolanti, che non permettono l’accesso in casa di umidità, rumori e temperature estreme, nel rifare il tetto e necessario considerare queste cose basilari.

Per questo motivo è meglio consultarsi, chiedere consigli ad esperti, valutare le varie proposte e tipologie di rifacimento che ti vengono proposte, se restano dei dubbi chiedi chiarimenti. Rifare il tetto in legno sembra continui ad essere la scelta migliore. Rifare il tetto con materiali garantiti e durevoli ti permette vivere meglio in casa. Il tuo tetto durerà a lungo se rifatto con i migliori materiali e personale qualificato.

 

Rifare il tetto in legno: isolamento termico

Uno dei più importanti requisiti che si devono richiedere ad un tetto, è sicuramente l’isolamento termico.

Le dispersioni di calore verso l’esterno, così come l’ingresso di aria troppo calda sono tra i principali motivi di mancato utilizzo di mansarde e sottotetti, che diventano troppo caldi in estate o troppo freddi in inverno.

Le coperture dei tetti che maggiormente permettono di isolare termicamente un appartamento sono le coperture in legno, una scelta molto apprezzata anche da chi ama vivere bio.

I moderni materiali isolanti sono molto richiesti,  permettono di conservare una temperatura ideale effettuando una spesa non troppo eccessiva.

Durata del tetto

Soprattutto nei paesi caldi, i tetti delle case sono ricoperti con tecniche che permettono di ‘ventilare il tetto ,ossia di creare una sorta di camera d’aria tra l’isolante e le tegole, in modo da migliorare lo smaltimento dell’umidità proveniente sia dall’aria esterna che dagli ambienti interni e mantenere asciutti i muri sottostanti, che, nonostante la presenza in molte città italiane di case e tetti storici, la vita di un tetto non è illimitata.

A seconda dei materiali, si può calcolare una vita media che va dai dieci ai quarant’anni, ma queste cifre dipendono anche dalle zone di esposizione: a seconda che un tetto si trovi in una zona più soggetta ad escursioni termiche o a piogge incessanti, la sua resistenza può essere inficiata prima o dopo.

Quando ci si rende conto della presenza di muffe o della difficoltà a mantenere costante la temperatura della casa, allora potrebbe significare che è arrivato il momento di rifare il tetto.

 

""
1
Contattaci
Nome
Cognome
Telefono
Città
Messaggio
0 /
Previous
Next

About Author

You may also like

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.