Tetto in legno a vista, un elemento che completa la tua casa, ma come si fa?Tetto in legno a vista

Il tetto è sicuramente quell’elemento che completa esteticamente una abitazione, sempre che abbiamo a disposizione una casa nel quale esso sia parte integrante dell’ambiente.

Il senso estetico ed i lavori di rifinitura nel tetto possono donare un senso di completezza ad un determinato ambiente, ivi compreso il caso di un tetto in legno a vista.

Parliamo di strutture che vengono concepite per mantenere intatto lo stile rustico o ligneo di una casa o di un terratetto. Oppure possono essere inseriti elementi che prima non erano presenti per donare un gusto particolare all’abitazione.

Soffitti in legno con travi a vista, cosa sono?

Vi è mai capitato di entrare dentro ad una baita di montagna o una casa nel nord della nostra Europa? Spesso i soffitti che sono presenti dentro queste abitazioni sono con tetto in legno a vista.

La sua costruzione ed utilizzo risale a tempi molto antichi, e le ragioni erano e sono tutt’ora molto serie.

La scelta del legno deriva prima di tutto dalla sua facilità di lavorazione, dai tempi brevi di costruzione e dalla sua capacità isolante in modo naturale.

I soffitti in legno con travi a vista sono ancora utilizzati per rendere sia esteticamente accattivante una locazione.  Anche per le sue proprietà accessorie come l’isolamento termico e la sua capacità di assorbire l’umidità circostante qualora presente.

L’estetica di un tetto in legno a vista

Realizzare un tetto in legno a vista dona non solo un senso minimale ed estetico importante, ma anche una sensazione di calore ed accoglienza della nostra abitazione.

La presenza di un materiale così vivo e vitale come il legno, specialmente se viene lasciato del suo colore naturale senza alcuna verniciatura o trattamento, fa respirare senza dubbio aria casalinga in modo costante.

Quanto è la durata di un tetto in legno?

Parliamo di un materiale che, nonostante le sue caratteristiche appena descritte, ha comunque bisogno di manutenzione regolare.

Dobbiamo necessariamente suddividere le tipologie di soffitti in legno con travi a vista in tetti ventilati e non ventilati.

Un tetto ventilato ha una struttura interna che permette al calore ed al freddo, ma anche all’umidità stessa, di essere dispersi naturalmente, l’esatto contrario di un tetto non ventilato.

Nel secondo caso parliamo di una costruzione sicuramente più breve in termini temporali, e con un costo meno elevato.  Nel primo caso abbiamo a che fare con un elemento della casa che nel tempo porterà moltissimi vantaggi.

Si distingue anche nel caso della durata di un tetto in legno anche della sua forma costruttiva. Di solito un tetto si distingue a seconda delle falde che lo compongono.

Un tetto in legno a doppia falda ha due pannelli simmetrici che vengono sorretti dalla struttura centrale, a loro volta costituiti da vari elementi.

Un tetto ad una sola falda ha una sola inclinazione del piano. Esistono anche tetti che hanno più di due falde, laddove il progetto permetta la realizzazione di sistemi estetici particolari, come arcate, padiglioni laterali eccetera.

Tetto in legno esterno, lamellare o massello?Soffitti in legno con travi a vista

Quando invece si parla di copertura di un tetto in legno a vista, spesso ci si districa fra due elementi fondamentali, il lamellare o il massello.

Il legno lamellare non si trova in natura ma è il prodotto di una particolare lavorazione da parte dell’uomo. Tale procedimento porta alla creazione di pannelli che possono avere lunghezze e spessore differenti.

Inoltre questo legno è omogeneo, senza la presenza di crepe e fessure. I tetti in legno lamellare sono quindi molto resistenti al fuoco e non subiscono modifiche esterne nel corso del tempo. Il legno massello non prevede alcuna lavorazione, e presenta crepe e nodi visibili.

Nel caso di un soffitto con travi a vista si tende ad utilizzare il massello per l’intelaiatura, ed il lamellare per la copertura. Le fessure devono essere continuamente sottoposte a manutenzione, ma l’aspetto estetico è decisamente più appagante.

Quanto costa un tetto in legno esterno?

Una copertura o un soffitto con travi a vista hanno un costo molto variabile, che dipendono molto dalla scelta del legno, dalla lavorazione e dal tipo di costruzione che vogliamo effettuare.

Solitamente per coprire i tetti come materiali si utilizzano abete rosso, larice, rovere e castagno. Abete rosso è molto resistente ad attacchi di insetti e alle formazioni di funghi. Leggero e permette di ricavare travi ed intelaiature eleganti.

Il Rovere è fra i legni più duri al mondo e con un colore unico, dona sicuramente quel tocco estetico in più. Il Larice è un legno molto resistente, con una anima decisamente più morbida, per questo prevede una manutenzione maggiore per tutelare la superficie da funghi e muffe.

Il castagno invece è una scelta intermedia, che collima la facilità di manutenzione con la durabilità nel tempo.

Manutenzione di un tetto in legno a vistaTetto in legno esterno

Quando si inizia la costruzione di un tetto in legno, si pensa anche che la manutenzione sia un fattore essenziale, che dovrà essere ripreso necessariamente nel corso del tempo.

Il legno è un materiale molto resistente e, se viene costruito a dovere rivolgendosi ad un esperto, si possono prevedere manutenzioni decisamente più dilazionate nel tempo.

Per questo motivo costruire un tetto in legno a vista o un soffitto con travi a vista necessita in maniera obbligatoria la presenza di un esperto.

La sua capacità di valutare le situazioni, e soprattutto la conoscenza strutturale della posa di un tetto, possono evitare spiacevoli sorprese.

Difficilmente ci si può rivolgere al fai da te per la costruzione di un tetto, le conoscenze da impiegare sono tante, e con molti anni di esperienza alle spalle per poter essere eseguiti.

Se guardiamo ai fattori principali di degrado per quanto riguarda un soffitto in legno con travi a vista troviamo: gli agenti atmosferici come nel caso di escursioni termiche, i fattori biologici, come insetti, parassiti, ma anche i fattori ambientali come inquinamento atmosferico, piogge acide e così via.

E’ sempre consigliabile, specialmente se parliamo di un tetto in legno esterno, trattare le superfici a contatto con gli agenti esterni mediante resine o elementi di vario tipo. Viene  così preservata la natura e la durata nel tempo.

Per le superfici esterne la manutenzione si dilunga nella maggior parte dei casi una volta ogni dieci anni.  Per quanto riguarda le pannellature e coperture interne, la manutenzione si svolge su un arco di tempo più ampio, circa venti anni.

Sei pronto a costruire il tuo tetto in legno a vista?

Hai una casa che vuoi trasformare e rendere unica, sicuramente l’installazione di un tetto in legno a vista potrebbe essere la soluzione ottimale. Se hai già idee ma non sai come portarle a termine, contattaci pure, risponderemo ad ogni tua domanda.

Se invece ti occorre più tempo per pensare, e vuoi avere un sopralluogo o un preventivo totalmente gratuito, allora chiamaci, fisseremo un incontro solo per te.

About Author

You may also like

No Comment

Comments are closed.